LA GRANDE GUERRA 1914-1918

Studi e Ricerche tratti dagli archivi dell' Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano Comitato di Treviso

Trincea lungo il basso Piave


1. Alle radici dell'odio
2. La guerra Franco- Prussiana

3. Il Nazionalismo

4. Lo stato-nazione

5. Gli eserciti moderni

6. Verso la guerra

7. La "Comunità d'Agosto"

8. La fine dell'Europa di Bismark

9. Le crisi politiche e militari

10. L'Attentato di Sarajevo

11.

12.

13.

14.

15.

16.

17.

18.

19.

20.

21.

22.




linearossa
In gioiosa marcia verso la morte
La prospettiva del conflitto invece di suscitare inquietudine fra la popolazione, solleva consensi e persino entusiasmi con colossali manifestazioni di giubilo all'annuncio della dichiarazione di guerra e alle prime partenze dei richiamati. Tutto questo accade a Parigi come a Londra, a Berlino come a Vienna e a Mosca… In Inghilterra dove non esiste la coscrizione obbligatoria, che sarà introdotta solo a conflitto iniziato, sulle ali dell'entusiasmo, 750 mila volontari si presentano ai cancelli delle caserme.

Hitler a Berlino
Berlino, agosto 1914: manifestazioni di gioia all'annuncio dello scoppio della Grande Guerra.
L'uomo nel cerchio è un giovane immigrato austriaco: Adolf Hitler

I giovani che cercano di sfuggire all'arruolamento sono pochissimi e quasi sempre in numero minore a quello previsto dalle autorità militari. Anche l'Austria-Ungheria riceve una scossa rivitalizzante dalla dichiarazione di guerra. Grandiose dimostrazioni a favore del conflitto si tengono infatti non solo a Vienna ma persino a Zagabria, dove l'avversione contro i serbi ha la meglio sulla solidarietà tra popolazioni slave. L'unica eccezione a tanto entusiasmo bellicista sembra rappresentata dall'atteggiamento rassegnato con il quale le grandi masse contadine vanno incontro alla mobilitazione.

Stefan Zweig

Le inquietudini della società borghese
Il trionfo della borghesia nel vecchio continente aveva prodotto una società massificata e ripetitiva come i cicli della produzione industriale. Essa rese l'individuo parte di un enorme processo finalizzato a garantire la ricchezza di pochi: una singolarità persa fra milioni di altre. Impose alla vita degli europei cambiamenti profondissimi e non ancora metabolizzati. Industrializzazione, grandi città, diffusione della burocrazia, «disciplina sociale», maggiore mobilità di classe e logorante lotta per il miglioramento della propria posizione, crearono una moltitudine di soggetti anonimi e antagonisti. La guerra fa emergere queste inquietudini che ci si era illusi di poter in qualche modo controllare. Lo scrittore austriaco Stefan Zweig, che assiste a Vienna alle dimostrazioni in favore del conflitto così annota: «Si formavano spontanei cortei per le strade, dovunque fiammeggiavano… le bandiere, echeggiava la musica, le giovani reclute passavano in trionfo… Centinaia di migliaia di persone sentivano allora come non mai quel che avrebbero dovute sentire in pace , di appartenere cioè a una grande unità. […] Tutte le differenze di classe, di lingua di religione, erano in quel momento… sommerse dalla grande corrente. Estranei si rivolgevano amichevolmente la parola per strada, gente che si era evitata per anni si porgeva la mano… Ciascun individuo assisteva a un ampliamento del proprio io, non era cioè una persona isolata ma si sapeva inserito in un insieme, faceva parte del popolo e la sua persona trascurabile aveva acquistato una ragion d'essere. […] Tutti vedevano d'un tratto una nuova possibilità romantica nella loro esistenza.: ognuno poteva diventare eroe e già chiunque portasse un'uniforme era in anticipo festeggiato dalle donne e salutato con quel nome. […] Ma forse in quell'ebbrezza operava anche una forza più profonda e misteriosa… il desiderio di erompere dal mondo borghese delle leggi e dei paragrafi per dar sfogo ai più remoti istinti».

HOME

 


In the games between Celtics and Heat, there is no doubt that the fighting between James and Pierce is most key point. As the first-class scorer of the both teams, their state will dnfl jerseys cheap jerseysirectly influence the direction to the game. While James performed a excellent game to help team win the key game. It seems that the attacking point is originally on James, because cheap nike nfl jerseysBosh only have just returned which is apparently not the best state and Wade is more easy to be resisted for his disadvantage of height. So James firmly joined the main attacking, aftnike nfl jerseyser all, when he faced Pierce, the advantage of height is pretty apparent, so his strong performance made him get 30 points in the first half. In the mad attaching of James, Pierce nfl nike jerseys wholesalemade fouls is not to avoid. When Pierce was stuck into the trouble of fouls, you will let Rondo or Pietrus to defend James. While in the second half, his bold was still, score and scocheap nfl jerseysre.
The sixth game was hold at Celtics' home court, now the game was ended at the third quarter. Heat got leading of 13 points with score74: 61. Only three quarters Jame have got 41 points and 10 reboundwhere to buy cheap nfl jerseyss, tonight is fated as the renewal of James' record. At the third quarter, Wade first got a shot, then James also got a shot and put gap into 17. Afterwards, it appeared a controversial shot that Rocheap nfl jerseysndo assists KG to layup, the shot was got and KG throw the ball to Battier with a litter power, so he was penal for a technical foul. KG is not comprehensive for what have happened. So , he continuousnike nfl jerseys wholesalely scored and the score was into 10. While Heat started a new attacking, which extend the gap again into 15. Pierce has not got the three points, but Rondo got the ball and got it when faced James. jerseys on saleWhile James was apparently unhappy and the ball was hit on the floor by him, so he also got a technical foul. Then he got a three points to let out the rage. And the gap was13 at the end of the quartecheap nfl jerseysr.