L'ASSO DEGLI ASSI

IL RISORGIMENTO
LA GRANDE GUERRA
LA SECONDA GUERRA MONDIALE
STORIA E STORIE

visore

FRANCESCO BARACCA. INDAGINE SULLA MORTE DI UN EROE ITALIANO

Stefano Gambarotto e Renato Callegari. Con un capitolo di Giuseppe Piccolo.

Francesco Baracca. Indagine sulla morte di un eroe italiano. Si intitola così il libro che punta a riscrivere la storia della scomparsa del più famoso aviatore italiano di sempre, avvenuta sulle pendici del Montello il 19 giugno di 95 anni fa. Il suo emblema – un cavallino rampante – sarebbe poi diventato quello della casa automobilistica Ferrari. Baracca cadde con il proprio aereo durante i giorni della seconda battaglia del Piave. Sulle circostanze della morte del maggiore «asso» tricolore della Grande Guerra, cominciarono subito a circolare numerose leggende che oggi, un nuovo studio condotto dai ricercatori trevigiani dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, sembrano smentire tutte. Ad ucciderlo, non sarebbero stati né un cecchino che lo colpì in fronte sparando da terra, né i due aviatori austriaci Arnold Barwig e Max Kauer che affermarono di averlo abbattuto nel corso di un drammatico duello aereo, né – infine – il pilota romagnolo si sarebbe suicidato in volo temendo di morire bruciato o di finire catturato. Quel lontano pomeriggio di giugno, alle 18.30, testimoni austriaci e italiani, videro un aereo in fiamme cadere sul Montello, dopo essere passato sopra il Collesel delle Zorle. Tutti ritennero che fosse il velivolo del maggiore Baracca. Con ogni probabilità invece, ad essere colpito fu altro pilota italiano, poi «cancellato» dalla storia. La sua morte venne infatti posticipata di 24 ore. Sulle oscure circostanze della fine di Baracca si scatenò subito una feroce diatriba tra gli alti comandi dei due eserciti in lotta. Gli italiani non accettavano il fatto che il nostro aviatore potesse essere stato abbattuto da un pilota nemico e – dopo avere respinto con forza l’ipotesi del suicidio comparsa sulle pagine dei giornali - sostennero che a colpirlo fu un oscuro fante che sparava da terra. C’era infatti una piccola ferita nell’incavo dell’occhio destro, proprio alla radice del naso, che sembrava confermare questa ipotesi. Gli austriaci invece si convinsero che ad abbattere il pilota di Lugo, erano stati due loro aviatori, Barwig e Kauer, che riferivano di avere distrutto un aereo italiano sul Montello. Qual è la verità allora? Lo studio condotto dai ricercatori trevigiani, ha riesaminato tutti i documenti noti, i volumi pubblicati e i luoghi nei quali la tragedia si consumò. Esso respinge tutte e tre le ipotesi fin qui accettate. Barwig e Kauer abbatterono senza dubbio un aereo italiano - che in molti osservarono cadere in fiamme - ma quel velivolo non era lo SPAD VII del maggiore Baracca. Quest’ultimo precipitò invece dodici minuti più tardi, colpito da fuoco antiaereo. Volava a bassa quota e planò all’interno della Valle dell’Acqua, uno depressione dove nessuno poté vederlo cadere se non i soldati che vi combattevano intorno. Il pilota mantenne la sua freddezza fino all’ultimo istante ma non riuscì a portare il velivolo danneggiato oltre la scarpata che chiude la valle. Picchiò contro la sua sommità, ad un passo dalle linee italiane e dalla salvezza. Quella che fu rinvenuta sulla sua fronte non è in realtà una ferita di arma da fuoco ma da una lesione da impatto, subita colpendo con la testa l’angusto abitacolo dell’aereo. Baracca uscì con ogni probabilità vivo dallo schianto del suo velivolo e si trascinò lontano da esso per sottrarsi all’incendio che ne divorò i rottami. La storia della scomparsa dell’«asso degli assi» è dunque quella di un uomo che rimase presente a se stesso sino all’ultimo istante e che affrontò con determinazione il proprio destino lottando per opporsi ad esso.

Temi trattati
Il volume passa in rassegna tutte le teorie sulla morte di baracca storicamente accreditate riesaminando documenti e testimonianze

17x24 cm. 150 immagini in bianco e nero. 272 pagine.